Evitare la decurtazione dei punti della patente mentendo sull’identità del conducente? E’ falso ideologico!

Oggi – sempre a mezzo di una recentissima sentenza (Cass. 12779 del 16.3.2017) – vi offriamo uno spunto di riflessione interessante sulle norme della circolazione stradale e sulle eventuali sanzioni che accompagnano la violazione di queste norme.

Il fatto, nello specifico, riguarda una donna multata per per essere stata sorpresa a parlare al telefono cellulare mentre era alla guida dell’auto. La stessa aveva poi successivamente dichiarato all’organo accertatore che alla guida del veicolo vi era in realtà il padre, affermazione ritenuta dai giudici di merito falsa in base a quanto riferito dal verbalizzante della contravvenzione, per il quale la persona che si trovava alla guida dell’autovettura con il telefono cellulare in mano era una donna.

I caratteri della situazione esaminata, secondo la suprema Corte, nella quale la dichiarazione sull’identità del conducente produce l’effetto di individuare il soggetto destinatario della sanzione amministrativa concludendo correttamente il relativo procedimento, rientrano nel delitto di cui all’art. 483 c.p. (falso ideologico commesso dal privato in atto pubblico), che, secondo i principi affermati dalla giurisprudenza di legittimità, sussiste quando la dichiarazione del privato sia trasfusa in un atto pubblico destinato a provare la verità dei fatti attestati, il che avviene quando la legge obblighi il privato a dichiarare il vero ricollegando specifici effetti al documento nel quale la dichiarazione è inserita dal pubblico ufficiale ricevente.

Ergo, se vi capitasse una situazione simile, non dichiarate falsamente che alla guida del veicolo con cui avete commesso un’infrazione stradale c’era, in realtà, un’altra persona, considerato che per evitare dalla decurtazione dei punti della patente si rischia una condanna penale per falso ideologico! 

Qui potete lettere il testo della sentenza

 

Contratti di convivenza

Si intendono per «conviventi di fatto» due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile. Per l’accertamento della stabile convivenza si fa riferimento alla dichiarazione anagrafica di cui all’articolo 4 e alla lettera b) del comma 1 dell’articolo 13 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223. I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. Il contratto reca l’indicazione dell’indirizzo indicato da ciascuna parte al quale sono effettuate le comunicazioni inerenti al contratto medesimo. Dal 5 giugno 2016 è possibile stipularli anche presso il nostro studio.

Studio LegaleMirabella Barbaglia