Il delitto di rapina e il rapporto con l’attenuante del danno di speciale tenuità.

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II PENALE – SENTENZA 18 settembre 2017, n. 42536

L’attenuante del danno di speciale tenuità è sempre applicabile al delitto di rapina se il bene mobile sottratto è di modestissimo valore?

La suprema corte ci dice di no, perché ai fini della configurabilità dell’attenuante del danno di speciale tenuità con riferimento al delitto di rapina, non è sufficiente che il bene mobile sottratto sia di modestissimo valore economico, ma occorre valutare anche gli effetti dannosi connessi alla lesione della persona contro la quale è stata esercitata la violenza o la minaccia.  Il delitto di rapina, infatti, ha natura plurioffensiva e lede, dunque, non solo il patrimonio, ma anche la libertà e l’integrità fisica e morale della persona aggredita per la realizzazione del profitto. Ne consegue che, solo ove la valutazione complessiva del pregiudizio sia di speciale tenuità può farsi luogo all’applicazione dell’attenuante, sulla base di un apprezzamento riservato al giudice di merito e non censurabile in sede di legittimità, se immune da vizi logico-giuridici.

Qui per il testo della sentenza

Furto in abitazione e la nozione di privata dimora.

Rientra nella nozione di privata dimora, ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 624bis cod. pen., il luogo dove si esercita un’attività commerciale o imprenditoriale (nella specie, ristorante)?
.
Secondo la Suprema Corte NO «salvo che il fatto non sia avvenuto all’interno di un’area riservata alla sfera privata della persona offesa. Rientrano nella nozione di privata dimora di cui all’art. 624-bis cod. pen. esclusivamente i luoghi, anche destinati ad attività lavorativa o professionale, nei quali si svolgono non occasionalmente atti della vita privata, e che non siano aperti al pubblico né accessibili a terzi senza il consenso del titolare».

Fonte: http://www.penalecontemporaneo.it/upload/Cass.%20201700652.pdf

Fonte: http://www.penalecontemporaneo.it/d/5309-furto-in-abitazione-le-sezioni-unite-sulla-nozione-di-privata-dimora-ex-art-624-bis-cp

maltrattamenti in famiglia

#dirittoinpillole MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA: CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. VI PENALE – SENTENZA 24 febbraio 2017, n.9154

Il compimento di più atti di natura vessatoria idonei a determinare sofferenze fisiche o morali, realizzati in momenti successivi, integra il delitto di maltrattamenti, senza che sia necessario che essi vengano posti in essere per un tempo prolungato, essendo sufficiente la loro ripetizione, anche se per un limitato periodo di tempo.
[…]
L’uso sistematico della violenza, quale ordinario trattamento del minore, anche dove fosse sostenuto da animus corrigendi, integra il delitto di maltrattamenti.